Il valore globale degli acquisti su internet è pari a 1.000 miliardi di dollari ogni anno e la previsione è di un raddoppio nei prossimi quattro anni. Lo rivela uno studio di Forrester Research commissionato da FedEx, secondo cui Regno Unito, Stati Uniti e Cina sono i tre paesi maggiori esportatori negli acquisti online. Gli italiani preferiscono acquistare beni di elettronica di consumo (46% contro il 39% della media europea). Il luogo di consegna preferito è la propria abitazione (88%) seguita a grande distanza dall’ufficio (solo 11%). Il metodo di pagamento privilegiato per gli acquisti online risultano essere sistemi digitali come PayPal (60%), seguiti con molto distacco da carte di credito/debito (26%) e dal contante al momento della consegna, che raccoglie il 9% dei consensi.
Sempre in Italia, il 28% degli intervistati acquista online beni fisici una o più volte al mese all’estero; la percentuale sale al 59% se consideriamo un arco temporale più lungo. Coloro che non amano acquistare online beni fisici da realtà di medio piccole dimensioni indicano come motivazioni il design scadente dei siti, la velocità di consegna delle merci non competitiva e il timore che i resi possano essere difficoltosi. Coloro che, al contrario, amano acquistare online beni fisici da realtà di medio-piccole dimensioni indicano come motivazioni i prezzi generalmente più bassi, la disponibilità di articoli difficili da trovare e i costi totali generalmente più bassi. Il driver principale dell’acquisto online di beni oltre confine è rappresentato dal risparmio sia per quanto riguarda il prezzo dei beni sia per quanto riguarda il costo totale; tra i fattori più rilevanti nelle scelte di acquisto, la possibilità di avere spese di spedizione ridotte o addirittura gratuite.
Fonte: ItaliaOggi

Tags: