Il lungo fine settimana di Pasqua è alle porte. Per chi gestisce un’attività e-commerce, e non solo, è sicuramente uno dei periodi più proficui dell’anno per incrementare il proprio fatturato o la propria cerchia di lettori. Manca poco tempo? Non ci sono problemi. Ecco i nostri consigli per creare una campagna di auguri pasquali last-minute.

Non solo colombe e uova

Il periodo Pasquale non si presta solo al marketing di uova e colombe: diversi segmenti di commercio aumentano le vendite in questa fase.

Il settore del turismo e dell’ospitalità per esempio vedono un deciso aumento di movimento grazie a piccoli periodi di vacanza che i consumatori ricominciano a concedersi in vista della bella stagione. Di riflesso al turismo, molte altre attività traggono benefici di vendita. Prenditi il tempo per ripensare al contesto del tuo business, utilizzando come punto di vista quello del turista.

Anche l’ambito della festa offre opportunità: non solo per chi le organizza, ma anche per chi fornisce prodotti enogastronomici o regalistica di vario tipo (fiori, gioielli, peluches, ..).

Pasqua significa anche Primavera. Si rinnovano i colori e le fantasie floreali tingono anche tavole e finestre: una preziosa opportunità per il settore dell’Abbigliamento e dell’Arredamento d’interni ed esterni.

L’occasione fa il marketing

Se proprio proprio non siete riusciti a trovare una connessione tra il vostro business e la Pasqua, poco male. L’occasione di porgere un augurio, è un’opportunità per ricordare, molto più semplicemente, della vostra esistenza.

Indipendentemente dal vostro settore di attività e se disponete di un e-commerce, mostrate i vostri ultimi prodotti, evidenziando i vantaggi dell’acquisto online: negozi aperti 24/24, senza code e con gamme di prodotti complete. Tenete un occhio sulle statistiche di lettura (email) e acquisto (sul sito), vi stupirete di come un semplice saluto possa riaprire necessità sopite.

E quindi Vestiti a tema…
Connotare un messaggio in stile Pasquale / Primaverile consente maggior efficacia, perchè verrà percepito sia il senso di urgenza che quello di pertinenza.

Per andare sul sicuro, evita connotazioni religiose (a meno che non sia il tuo specifico target) e ironie troppo spiccate (a meno che il tuo target non sia pronto ad accettarle). Scegli un tema colorato e floreale

Quando inviare la newsletter

Sono in molti ad essere in ferie già dalla domenica delle Palme e fino al Lunedì dell’Angelo. Cosa questa da prendere in considerazione quando si pianifica l’invio della newsletter.
Se non si è fatto in tempo a creare una corposa campagna marketing non è poi così drammatico. Anche una newsletter creata last-minute e inviata una settimana prima di Pasqua può valere la pena e dare buoni risultati. Anche i lettori potrebbero infatti essere in ritardo con l’acquisto dei prodotti, con la prenotazione dell’albergo o della propria vacanza per i giorni di festa.
Indipendentemente da quanto studiata sia la strategia dietro la campagna marketing delle feste pasquali, inviare un augurio di buona Pasqua e di buona primavera ai sottoscrittori della propria newsletter non può che portare vantaggi. Ultimo consiglio: per le newsletter last-minute meglio ridurre al minimo i contenuti pubblicitari e concentrarsi su un sincero messaggio di auguri di buone feste.

Tags: